L. R. n. 11/1996 – Regolamento di attuazione n. 3/2017, art. 153
Autorizzazione ai fini della trasformazione dei boschi

(Mutamento di destinazione d’uso: eliminazione della vegetazione arborea e arbustiva esistente, finalizzato ad attività diverse dalla gestione forestale di cui all'articolo 7, comma 1 del D.lgs. n. 34/2018)
Per assistenza tecnica consultare la guida in linea (bottone col punto interrogativo in alto a sinistra).
Se il problema persiste scrivere alla casella info@congenius.it descrivendo in modo completo e dettagliato ogni circostanza.
Eventuali richieste generiche non consentiranno di intervenire per la soluzione del problema.
Dati del richiedente:
Cognome
nome
nato in data
nato in prov.
comune
codice fiscale
  N.B. : Per le località estere selezionare "Stato estero" nella casella "provincia" e la nazione nella casella "comune".
resid. in prov.
comune
cap
indirizzo
telefono
email
pec
in qualità di
Informativa ai sensi dell'art. 13 del Regolamento UE 2016/679 sul trattamento dei dati personali.
 
Ai sensi dell'art. 13 del Regolamento europeo (UE) 2016/679 (di seguito GDPR) la Provincia di Salerno, in relazione ai dati personali di cui questo Ente entrerà nella disponibilità a seguito della presente procedura, al fine di dare esecuzione alle norme che tutelano il trattamento dei dati personali delle persone fisiche, con la presente informativa intende fornire le informazioni essenziali che permettono alle stesse l'esercizio dei diritti previsti dalla vigente normativa.
  1. Titolare del trattamento.Titolare del trattamento è il dott. Domenico Ranesi, dirigente del Settore Viabilità e Trasporti della Provincia di Salerno, con sede in Palazzo Sant’Agostino, via Roma 104 - 84121 Salerno (SA) – PEC archiviogenerale@pec.provincia.salerno.it
  2. Finalità del trattamento dei dati. I dati personali saranno trattati per ottemperare a tutti gli adempimenti connessi alla gestione della presente procedura per finalità:
    a) relative all'adempimento di un obbligo legale al quale il Titolare del trattamento è soggetto;
    b) necessarie ad accertare, esercitare o difendere un diritto in sede giudiziaria o ogniqualvolta le autorità giurisdizionali esercitino le loro funzioni.
    Il conferimento dei dati personali per la finalità sopra elencate è facoltativo, ma il loro eventuale mancato conferimento potrebbe rendere impossibile riscontrare la richiesta presentata o adem-piere ad un obbligo legale a cui il Titolare del trattamento è soggetto.
  3. Base giuridica del trattamento. La base giuridica che legittima l'utilizzo dei dati per le finalità suindicate è la necessità di disporre di dati personali per adempiere ad un obbligo legale al quale è soggetto il Titolare del trattamento.
  4. Modalità di trattamento dei dati personali. I dati personali potranno essere trattati a mezzo di archivi sia cartacei che informatici e con modalità strettamente necessarie a far fronte alle finalità sopra indicate, nel rispetto dei principi dell'art. 5 del GDPR e dei diritti dell'interessato disciplinati dal Capo III dello stesso GDPR.
  5. Destinatari, comunicazione e diffusione. I dati personali oggetto di trattamento potranno essere comunicati, in ottemperanza ai relativi obblighi di legge, di regolamento etc. agli altri soggetti terzi, pubblici e privati, coinvolti nella procedura per le parti di rispettiva competenza, quali, a titolo esemplificativo, Enti Previdenziali e Assistenziali, Soggetti erogatori, Regione Campania, Comuni, Forze dell'Ordine, etc. nonché agli ulteriori soggetti ai quali si renda strettamente necessario per il raggiungimento delle finalità amministrative di cui allo specifico procedimento. Nei limiti previsti dalle norme applicabili i dati potranno essere sottoposti ad accesso da parte di coloro che sono portatori di un interesse.
  6. Tempo di conservazione dei dati. I dati personali, oggetto di trattamento per le finalità sopra indicate, saranno conservati, per il tempo in cui l'Ente è soggetto a obblighi di conservazione previsti da norme di legge o regolamento.
  7. Diritti dell'interessato. In qualità di interessato/a può esercitare i diritti previsti dal Capo III del GDPR e in particolare il diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che la riguardano, accedere ai suoi dati, farli aggiornare, integrare, rettificare o cancellare, chiederne la limitazione, richiedere la portabilità dei dati e far valere il diritto all'oblio, opporsi al loro trattamento nei casi previsti dalla legge, proporre reclamo al Garante www.garanteprivacy.it per la protezione dei dati personali. E' inoltre possibile rivolgersi al Titolare del trattamento o al Responsabile della protezione dei dati (D.P.O.) inviando comunicazione agli indirizzi sopra riportati.
Il richiedente dichiara di aver letto l'informativa in merito al trattamento dei dati personali e autorizza il trattamento dei propri dati personali presenti nell'istanza e nella documentazione allegata ai soli fini della evasione della istanza, ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e del GDPR (Regolamento UE 2016/679).
avente titolo di
Ai sensi del Regolamento regionale n. 3/2017 (di seguito indicato come Regolamento), art. 153
CHIEDE
il rilascio dell’autorizzazione ai fini del vincolo idrogeologico di cui al R. D. n. 3267/1923, alla L. R. n. 11/1996 e al Regolamento per l’esecuzione dei seguenti lavori:
la cui localizzazione è identificata con i dati catastali riportati nella tabella seguente:
Superficie totale intervento Ha

A tal fine, consapevole delle responsabilità penali conseguenti a dichiarazioni non veritiere e falsità negli atti, nonché delle conseguenze amministrative in merito alla decadenza dei benefici eventualmente conseguenti al provvedimento emanato sulla base di dichiarazioni non veritiere
DICHIARA
sotto la propria responsabilità ed ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 47 del DPR 28/12/2000, n. 445:
1
che ha titolo ad eseguire gli interventi oggetto della presente richiesta nei terreni sopra elencati in quanto:
2 che l'intervento oggetto della presente richiesta non comporta violazione di diritti di terzi;
3 che il sito oggetto di intervento è sottoposto ai seguenti ulteriori vincoli:
codice
codice
denominazione
oppure
denominazione
4 che il sito oggetto di intervento ricade all'interno di aree coperte da boschi come definiti all’articolo 14 della L.R. n. 11/1996 e all'art.18 del Regolamento;
5
6
che

7
che per l’intervento di trasformazione boschiva sceglie di eseguire la seguente compensazione:
e pari ad euro
8
che ai fini dell’obbligo della redazione del Piano di Gestione Forestale:

9
che l’intervento di trasformazione
nella condizione di esonero dall'obbligo di rimboschimento o di esecuzione delle opere
e dei servizi compensativi nonché dal versamento del corrispettivo in quanto si è nella condizione di cui al comma 5 dell’articolo 155 del Regolamento,
ovvero:
10
che il sito oggetto di intervento
all'interno di aree censite come "area a rischio" nei Piani di Assetto Idrogeologico (P.A.I.);
11 che gli interventi, ove autorizzati, saranno realizzati in conformità alle disposizioni della L. R. n. 11/1996 e del relativo Regolamento, dell’autorizzazione e delle eventuali prescrizioni in essa contenute, della domanda di autorizzazione presentata e della documentazione allegata alla stessa;
12 di essere consapevole che durante l'esecuzione delle attività autorizzate, qualora si verifichino fenomeni di instabilità dei terreni, turbative della circolazione delle acque o modificazioni dello stato vegetativo dei soprassuoli forestali o vi sia l'esigenza di adeguare la conduzione dei lavori alle particolari condizioni dei luoghi, l’Ente delegato territorialmente competente può impartire ulteriori prescrizioni, sospendere i lavori o revocare le autorizzazioni. I provvedimenti cautelativi si applicano anche alle attività soggette a dichiarazione o a quelle eseguibili senza alcun titolo autorizzativo;
13 che adotterà comunque ogni cautela necessaria ad evitare alterazioni idrogeologiche dell’area oggetto dei lavori nonché danni a persone od a cose, dei quali i suddetti soggetti resteranno comunque unici responsabili, impegnandosi a tenere sollevato l'ente da ogni controversia o rivendicazione da parte di terzi;
14 che la presente dichiarazione è resa solo per l’ottenimento dell’autorizzazione ai fini del vincolo idrogeologico ed è consapevole che la stessa è rilasciata facendo salvi i diritti dei terzi e senza che il provvedimento possa incidere sulla titolarità della proprietà o di altri diritti reali, nonché su eventuali rapporti contrattuali intercorrenti fra le parti. È, altresì, fatta salva l’osservanza di altre leggi e regolamenti, nei confronti dei quali il vincolo idrogeologico, per la sua natura, costituisce procedura autonoma;
15 di essere a conoscenza delle sanzioni amministrative e penali previste dalla normativa vigente in caso di violazioni degli obblighi assunti e delle pertinenti norme in materia;
16 che i lavori non inizieranno prima dell’eventuale rilascio dell’autorizzazione richiesta;
17 che procederà all'esatta individuazione sul terreno dei confini delle particelle catastali in cui sono previsti i lavori;
18 che consente e garantisce accesso alle persone incaricate all’istruttoria e al controllo dell’attività oggetto della presente richiesta;
19 di essere consapevole che è fissato in 45 giorni il termine massimo del procedimento avviato alla data di ricevimento di questa istanza da parte dell’Ente delegato;
20 di essere consapevole che gli interventi indicati, se autorizzati, devono essere realizzati entro 36 mesi dalla data di notifica dell'autorizzazione stessa. Qualora la realizzazione dell’intervento sia sottoposta all’acquisizione di un provvedimento abilitativo comunale, la durata è equiparata a quella del titolo stesso. Tale durata può essere ridotta qualora l’Ente competente per territorio ne ravvisi la motivata necessità. Trascorso inutilmente tale periodo le procedure amministrative devono ripetersi;
21 di avvalersi, per la presentazione degli elaborati da allegare alla presente, del Tecnico rilevatore:
Cognome
nome
nato in data
nato in prov.
comune
codice fiscale
studio prov.
comune
cap
indirizzo
telefono
email
pec
iscritto
(Ordine o Collegio)
DICHIARA altresì
- in relazione alla presenza dei vincoli di cui al punto 3), di non iniziare i lavori prima del rilascio del parere e nulla osta degli Enti competenti
-
altro
SI IMPEGNA
- a consentire e garantire l’accesso alle persone incaricate dell'istruttoria e del controllo in merito dell'attività oggetto di dichiarazione;
ALLEGA ALLA PRESENTE:
- copia del documento di riconoscimento;
- relata di pubblicazione all’Albo pretorio del Comune in cui ricade l’intervento, contenente specificazioni circa le opposizioni eventualmente pervenute e le eventuali osservazioni del Comune stesso;
- dichiarazione del tecnico rilevatore che i terreni oggetto dei lavori sono classificati come bosco in base all’art. 14 della L. R. n. 11/1996 e all’art. 18 del Regolamento;
-
-
relazione forestale (firmata da un tecnico abilitato, contenente una descrizione tecnica sintetica del contesto boschivo interessato e di dettaglio dell’area oggetto di richiesta di trasformazione con:
- ubicazione e descrizione dell’intervento;
- descrizione del contesto forestale di cui è parte l’area oggetto di richiesta di trasformazione, con riferimento anche alla pianificazione forestale esistente;
- descrizione di dettaglio della superficie boschiva interessata (tipo forestale, specie predominanti, forma di governo, tipo di trattamento ecc.);
- valutazione di possibili alternative di minore impatto ambientale;
-
progetto di cui al comma 6 dell'art. 155 del Regolamento con indicazione: (da presentarsi solo nel caso di trasformazioni con esecuzione delle opere e dei servizi compensativi)
- della superficie e della localizzazione topografica e catastale dell’area boscata da trasformare;
- della localizzazione topografica e catastale dell’area da sottoporre a rimboschimento compensativo e/o alla realizzazione di opere e/o servizi compensativi, nonché il titolo di possesso della stessa;
- della superficie, la destinazione attuale dei suddetti terreni, nonché i vincoli urbanistici e paesaggistici eventualmente insistenti sulla stessa area;
- delle modalità ed i tempi di realizzazione del rimboschimento e/o della realizzazione di opere e/o servizi compensativi, nonché il programma degli interventi colturali da eseguire almeno nei cinque anni successivi all’impianto;
- della stima economica (computo metrico estimativo) dell’intervento di trasformazione o delle opere e dei servizi compensativi;
-
vers.num.
di euro
a titolo di compensazione monetaria per l’intervento di trasformazione boschiva oggetto della presente istanza;
-
in relazione alla presenza dei vincoli di cui al punto 3):
- stralcio della perimetrazione vigente delle aree soggette a vincolo idrogeologico con indicata l’area di intervento;
-
compatibilità idrogeologica dell’intervento, valutando il rischio idrogeologico prima e dopo l’intervento, che contenga i risultati delle indagini e le verifiche di cui al D.M. 11 marzo 1988 e successive modifiche ed integrazioni, con contestuale giudizio di fattibilità e che contenga lo stralcio della perimetrazione vigente delle aree soggette a Vincolo Idrogeologico e quello relativo alla normativa vigente in materia di “Rischio idraulico e idrogeologico”, nei confronti della quale ne attesti la compatibilità e dimostri che gli interventi stessi non concorrono ad incrementare il livello di rischio 6 ;
- corografia, con ubicazione dell’area d’intervento, redatta su carta topografica in scala 1:25.000;
- inquadramento territoriale, ossia corografia su Carta Tecnica Regionale in scala 1:10.000 o, se possibile, di maggior dettaglio, riportante l’area boscata per la quale si chiede la trasformazione, che individui il perimetro dell’area oggetto di trasformazione e distingua le aree per le quali si chiede la trasformazione
- planimetria catastale, in scala non inferiore a 1:2.000, con indicazione puntuale dell'area o delle aree interessate dalle opere;
- elaborati progettuali con piante e sezioni tipo dell’intervento (in scala adeguata) che rappresentino anche il profilo del terreno, ante e post operam, per un intorno significativo relativamente allo stato attuale, di progetto e sovrapposto, con individuazione e quantificazione della superficie oggetto di mutamento di destinazione, dei volumi degli scavi e riporti di terreno previsti, dello schema di deflusso delle acque meteoriche ed indicazione del recapito finale (fogna, canale, fosso e/o altro punto saldo), dei profili longitudinali e sezioni trasversali, piani quotati, particolari costruttivi ecc.
- documentazione fotografica referenziata dello stato di fatto, con dettagli e panoramiche dei terreni oggetto dei lavori, debitamente datate, timbrate e firmate, rappresentative dello stato dei luoghi al momento della presentazione dell'istanza o, comunque, non anteriore a tre mesi da tale data e planimetria con individuati i coni ottici di ripresa delle foto;
-
Il/La sottoscritto/a dichiara di essere consapevole che è fissato in 45 giorni il termine massimo del procedimento avviato alla data di ricevimento di questa istanza da parte dell’Ente delegato.
Dati marca da bollo:
importo
data emissione
identificativo
dichiarazione
oppure
Quando i dati sono completi e corretti bisogna:
  1. confermare la domanda;
  2. generare, stampare e pagare il bollettino PagoPA;
  3. scaricare la domanda in formato .pdf;
  4. firmare la domanda in una delle due modalità:
    • con firma digitale (.p7m), oppure
    • stampare la domanda, apporre la firma autografa e digitalizzarla con lo scanner in formato .pdf;
  5. caricare la domanda firmata come nuovo documento allegato;
  6. inviare la domanda alla Provincia.
Ambiente di TEST
Provincia PROVINCIA DI SALERNO
Settore Demanio e Trasporti
Via Roma 104 - 84121 Salerno (SA)
2012-2023 - Tutti i diritti riservati realizzato da